Acqua pubblica: sfruttamento senza difese, intervenga la Regione

A seguito della risposta del Presidente Nobili (clicca qui) al nostro comunicato in tema di centraline idroelettriche e acua pubblica )che trovate qui sotto) pubblichiamo un intervento di Gianni Desanti ex assessore provinciale del Pd in materia.

Strano il commento dell’ing, Proverbio, ammesso che corrisponda al vero, visto che lo stesso era il dirigente del settore ambiente anche quando io ero assessore e, insieme, approntammo il testo della moratoria in ossequio non solo al PEAR regionale (tuttora non abrogato) ma anche a studi effettuati proprio dalla Provincia e utilizzati per il Piano Territoriale.
Allora Proverbio non espresse alcun parere contrario. La moratoria (tesa a preservare l’ambiente e a evitare una eccessiva proliferazione di impianti idroelettrici in una realtà già ambiamente sfruttata) si chiama in realtà norma di salvaguardia del PTP che – correttamente (almeno da un punto di vista giuridico) poteva essere rivista alla scadenza dei due anni. Cosa che la Giunta Nobili ha fatto con due provvedimenti a mio parere tecnicamente e giuridicamente sbagliati.
Uno è stato infatti cassato dal Tribunale delle Acque e l’altro (quello che estende le potenzialità del VCO) è in violazione o quantomeno in forte contraddizione con ill PEAR. E’ sempre possibile modificare le cose, fare studi più approfonditi dei precedenti, ma le competenze devono essere rispettate e la Provincia (che era titolata a scrivere norme di salvaguardia del PTP poiché espressamente previsto dalla legge regionale, così come ha fatto la Giunta Ravaioli) non può decidere delibere che – come dice la recente sentenza – sono di competenza di Stato e Regione.
Ora Nobili e Borghi vanno in Regione per chiedere di modificare la normativa: nel caso specifico fanno bene poiché anch’io ritengo che il pubblico vada privilegiato rispetto al privato, ma questo presuppone una normativa che al momento non esiste (e che dovrebbe riguardare, a mio parere, soprattutto i rinnovi delle esistenti concessioni piuttosto che puntare su un ulteriore consumo delle risorse naturali del nostro territorio).
Nobili però, se ha sbagliato, non scarichi la responsabilità su altri. Personalmente, poi, non condivido – da un punto di vista politico – la scelta di immaginare per il VCO uno sviluppo ulteriore dell’idroelettrico pari al doppio (??!!) di quanto la Regione aveva previsto per l’intero Piemonte e contesto l’affermazione che i dati utilizzati come presupposto “scientifico” di una delle due deliberazioni provinciali della Giunta Nobili siano inoppugnabili e di sicura validità. Inoltre, quella delibera modificava – nei fatti – le indicazioni del Piano Territoriale senza seguire le procedure di legge previste.
Certo è che – ora – dopo il danno ci sono anche le beffe e trionfa la lobby dei costruttori privati di centraline che, peraltro, fanno il loro mestiere e hanno gli avvocati giusti! Invito tutti a non fare demagogia a buon mercato: se si è convinti di una cosa, la si proponga e la si faccia in coerenza con le leggi e non con forzature che hanno le gambe corte come le bugie!
Gianni Desanti, ex assessore provinciale all’ambiente

Comunicato stampa
Abbiamo preso atto dell’annullamento della delibera provinciale, da parte del Tribunale Superiore Acque Pubbliche, che stabiliva alcune forme di compensazione ai comuni e al territorio per la realizzazione di impianti idroelettrici sul territorio.
La delibera aveva alcuni elementi di condivisione tanto che il gruppo provinciale del PD, ed in particolare il consigliere Costa, l’ha sostenuta proponendo anche l’inserimento di alcune migliorie finalizzate a legare le compensazioni al territorio comunale direttamente interessato.
Ora l’annullamento della delibera lascia comunque un vuoto che in qualche maniera va colmato.
Il senso della sentenza è che la provincia non aveva competenza per deliberare a riguardo, ora gli organi che possono agire per risolvere al questione sono la Regione e il Parlamento. Consci della situazione nazionale ci sembra doveroso che sia la Regione a prendere in mano la situazione ponendola al centro del dibattito.
Il settore idroelettrico è di fatto l’unico settore in cui sono previsti investimenti sul territorio, il rischio è che questo bene comune venga delegato a società principalmente private, a volte con investitori non locali, realizzando una cospicua rendita che poco o nulla lascia agli enti che sono sempre più in sofferenza e che non crea di fatto occupazione diretta.
“Rimarchiamo – afferma il segretario provinciale Antonella Trapaniche il piano provinciale per l’energia approntato dall’attuale giunta prevede una possibilità di realizzare impianti per una potenza circa dieci volte quello previsto dal precedente piano. Questa cifra che è superiore a quanto previsto per tutto il Piemonte è oggettivamente sopravvalutata e rischia in assenza di regole di compensazione, di sacrificare l’unica risorsa significativa del territorio per avere in cambio poco o nulla. Su questo tema la Giunta Nobili ha la competenza per rivedere il piano provinciale su cifre ragionevoli e sostenibili“.
Di questo parere è anche l’On Enrico Borghi: “Questa situazione e’ figlia della faciloneria dell’amministrazione provinciale, grazie alla quale il settore e’ stato bloccato per anni e ora le amministrazioni avranno rilevanti danni e aspettative tradite e deluse. E’ chiaro ormai che la partita va risolta a livello legislativo, come da anni cercavo (inutilmente) di spiegare a chi invece pensava di essere a capo della provincia autonoma di Trento e di Bolzano. La moratoria ora si impone, per evitare di svendere un bene pubblico come l’acqua ai fini energetici senza alcuna contropartita al territorio”.
Ufficio Stampa
PD VCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.