Bilancio regionale 2013. Poco tempo per il confronto ed un nuovo possibile consistente disavanzo.

L’annuncio con cui l’assessore regionale al Bilancio Gilberto Pichetto ha affermato che venerdì prossimo porterà in Commissione le sue proposte per il documento contabile 2013 rende i tempi di esame strettissimi, difficilmente compatibili con un confronto serio e approfondito in Commissione e in aula su misure, come ad esempio l’aumento dell’addizionale Irpef per il 2014, che avranno notevoli ripercussioni sulla vita dei cittadini piemontesi. 
Abbiamo sottoposto all’assessore quanto emerge dall’esame dei nuovi dati contabili da lui forniti nei giorni scorsi. Il calcolo matematico della cassa al 31 dicembre scorso, cui si sommano i residui attivi e si sottraggono i residui passivi, porta a un risultato di -938 milioni di euro, che paiono configurare un possibile nuovo pesante disavanzo, aggiuntivo a quanto finora noto.
E’ infatti ancora non coperto il disavanzo di 484 milioni che deriva dal 2011, cui vanno sottratti i 18 milioni previsti a questo scopo nel 2012.
Ci pare una situazione estremamente preoccupante. Venerdì ci aspettiamo dall’assessore parole chiare e trasparenti sulla reale entità del disavanzo e su come coprirlo.

una dichiarazione di Aldo Reschigna

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.