Borghi: difendere le istituzioni, fare appello alla responsabilità

“La drammatica circostanza dell’attentato di fronte a Palazzo Chigi nel medesimo istante in cui il governo Letta prestava giuramento deve indurci ad almeno due riflessioni, precedute da un sentimento di vicinanza e di solidarietà al brigadiere Giuseppe Giangrande e al carabiniere scelto Francesco Negri e all’intera Arma dei Carabinieri, nonché alla turista ferita.
Occorre anzitutto che tutte le forze politiche, e in primo luogo le persone di esse responsabili, comprendano fino in fondo la responsabilità di questo momento storico, e contribuiscano ciascuno per la propria parte all’abbassamento dei toni e al rigetto di ogni strumentalizzazione o, peggio ancora, di enfatizzazione a fini di parte del grande disagio sociale presente nel Paese.
Le istituzioni democratiche e repubblicane debbono essere rispettate in ogni loro forma e simbolo, in quanto presidio della libertà e dei diritti di ciascun cittadino italiano, e deve essere chiaro –come insegna anche la Storia italiana- che in nessun modo la predicazione dell’odio e l’incitamento all’abbattimento dell’avversario che poi sfociano in violenza possono essere la strada per la risposta ai problemi del Paese.”

Enrico Borghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.