Emodinamica a Domo, Reschigna: ”modo vecchio di presentare i risultati ottenuti”

Quello che è successo nella comunicazione dell’apertura dell’emodinamica a Domodossola è il contrario della “politica lontana dalla sanità” che il centrodestra sbandiera a ogni dove, ma che si dimentica di praticare
Basta riepilogare i fatti per rendersene conto. Lunedì scorso il direttore generale della nostra Asl si incontra con l’assessore Monferino che lo autorizza ufficialmente ad avviare il lungo percorso per aprire  il servizio a Domodossola. Nonostante sia una notizia attesa da tempo e con grandi palpitazioni da parte del territorio (non più tardi di una settimana fa avevo sollecitato una decisione), tanto che l’incontro arriva alla vigilia di un’assemblea dei sindaci ossolani proprio su quel tema, il direttore generale dell’Asl, persona che stimo e continuo a stimare, si dimentica di comunicarla, e lo fa con un comunicato stampa solo il giorno dopo che il presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo lo ha comunicato agli organi di informazione, attribuendosi il merito del risultato.
Ora è evidente che il pur autorevole presidente del Consiglio non sarebbe stato da solo in grado di risolvere la vicenda. Non è l’unico protagonista di questa annosa questione. Lo sono tutti i consiglieri regionali che se ne sono occupati, e lo sono ancora di più i rappresentanti delle comunità locali, a partire dall’assemblea dei sindaci che, superando lacerazioni e divisioni, si sono pronunciati per l’insediamento a Domodossola dell’emodinamica.
Per questo quello che è accaduto è un modo davvero “vecchio” di rappresentare i risultati dell’azione politica. Attribuendosene i meriti, e dimenticando il territorio e le comunità locali, oltre ai colleghi di altri gruppi politici, non si aiuta a ricostruire quel legame tra società civile e politica che sempre di più rappresenta uno dei grandi temi da risolvere per rilanciare il nostro paese e la nostra regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.