Legalità e regole. Le organizzazioni criminali tra Lombardia e Piemonte. Incontri a Verbania

Il tempo è adesso. Quale futuro per il V.C.O.? E’ questo il titolo della serie d’incontri organizzati dal Centro Natale Menotti di Verbania.  Cinque Temi affrontati con due incontri separati: in uno un relatore nel secondo una tavola rotonda che si svolgeranno tutti al “Il Chiostro” di Verbania.
Legalità e regole. Le organizzazioni criminali tra Lombardia e Piemonte. Colonizzazione e contrasto
venerdì 4 maggio, ore 21 relatori invitati Marco Nebiolo giornalista di Narcomafie, Mario Portanova giornalista de Il Fatto Quotidiano
venerdì 11 maggio, ore 21 Tra illegalità diffusa e cultura mafiosa: segni e segnali: tavola rotonda con Valerio Cattaneo presidente Consiglio Regionale, Maria José Fava referente regionale di Libera Piemonte, Domenico Rossi referente provinciale di Libera Novara. Coordina Andrea Dallapina, direttore di EcoRisveglio

“Se non ora, quando?”. “Indignatevi!”.
Il tempo è adesso. La domanda e l’esclamativo, risuonati provocatoriamente nelle piazze e tuttora reclamati,, focalizzano l’urgenza di prendere consapevolezza, per dare risposta con una visione lungimirante della società e un discorso sulla polis, delle parole chiave ricorrenti: solidarietà comunitaria e accoglienza, crisi e precarietà, ambiente e risorse collettive, legalità e regole di convivenza.
In agenda sono, per un loro adeguato approfondimento e opportuna gestione politica, cinque temi suggeriti dall’attualità, trattati ciascuno in due incontri: il primo affidato ad un esperto professionista, in forma di lezione breve seguita da dibattito; il secondo in forma di tavola rotonda, con la partecipazione di attori e testimoni locali, riferito alla situazione locale.
L’interesse per la cosa pubblica e la voglia di un domani per il V.C.O., compatibile con la sua storia e coerente alla sua vocazione territoriale  (indipendentemente dalle definizioni istituzionali), sollecitano l’analisi e il confronto.
Un libero discorso quindi, da cittadino a cittadino, riconoscendo la priorità del “bene comune” che vuol dire costruire politiche incentrate sull’utilità sociale.

GIA’ SVOLTI

-Primo dei 5 temi affrontati sarà “Il federalismo non tradito. Quel che rimane in fondo al sacco” con partenza venerdì 3 febbraio dalle ore 21 con relatore Stefano Ceccanti, senatore del PD, costituzionalista all’Università La Sapienza. – A seguire venerdì 10 febbraio dalle ore 21 tavola rotonda con Enrico Borghi, sindaco di Vogogna, Michele Marinello. consigliere regionale, Massimo Nobili, presidente Provincia V.C.O., Claudio Zanotti, consigliere comunale Verbania. Coordina Andrea Dallapina, direttore di EcoRisveglio

– 2) Immigrazione oltre i luoghi comuni. Domande e risposte su l’Italia che verrà
venerdì 24 febbraio, ore 21 relatore, Maurizio Ambrosini sociologo, Università di Milano
venerdì 2 marzo 2012, ore 21 tavola rotonda con Mohamed Amin Arid imprenditore, Karim Fael immigrato di seconda generazione, Rocco Minerva docente Istituto Cobianchi, Renato Sacco parroco di Cesara e Consigliere nazionale di Pax Christi. Coordina Vincenzo Amato giornalista La STAMPA

3) Mercato del lavoro e vocazioni territoriali. Dal lavoro dipendente al lavoro intraprendente, venerdì 23 marzo, ore 21 relatore Walter Passerini,giornalista LA STAMPA e Vicedirettore Scuola di Giornalismo Università di Milano
venerdì 30 marzo, ore 21 tavola rotonda con Luca Caretti segretario CISL del VCO, Maurizio Colombo segretario Camera di Commercio VCO, Elisa Gagliardi Presidente dei giovani industriali API di Vco, Novara, Vercelli. Coordina Carlo Bologna, giornalista La STAMPA

4 Dopo il referendum sull’acqua. Ridefinire la gestione del bene comune
venerdì 20 aprile, ore 21 tavola rotonda con Massimo Di Bari, Forum italiano dei movimenti per l’acqua, Gianni De Santi responsabile ambiente Pd Vco, Lucio Pizzi assessore all’ambiente provincia Vco, Gianluca Iervasi presidente Idrablu Spa, Sebastiano Gallina presidente di Acque Nord Srl e Acque Novara Spa. Coordina Davide Illarietti giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.