1.Linee guida

LINEE GUIDA PER UN’AMMINISTRAZIONE
1. Riduzione delle spese
per la politica

2. Contro il degrado delle
relazioni tra i cittadini

3. I soldi delle tasse comunali
vanno tulizzati meglio

4. Amministrare e non farsi
amministrare

5. Non affidiamo lo sviluppo al solo cemento

6. Il rispetto per le persone,
una rinnovata idea di Comunità

7. L’imperativo è crescere,
lo dobbiamo ai nostri figli

 

RIDUZIONE DELLE SPESE
PER LA POLITICA
Una maggiore condivisione delle scelte non si fa aumentando gli Assessori, ma allargando la partecipazione dei cittadini e adottando comportamenti trasparenti.
l’azione politica di consiglieri e amministratori è svolta con spirito di servizio e non può essere concepita come fonte di reddito. è giusto che a chi dedica parte del proprio tempo alla cosa pubblica sia riconosciuto un compenso anche a titolo di rimborso per le spese sostenute, ma se il valore di questo compenso non è percepito come adeguato anche dal comune cittadino significa che esso non corrisponde al giusto.
La riduzione delle spese per la politica si realizza, a livello comunale, sia con la diminuzione dei compensi quanto con la diminuzione del numero di chi li percepisce. Il Partito Democratico ritiene che sia possibile, nell’ottica anche di contenere i costi della politica, riconsiderare il numero di Assessori con i quali sarà composta la nuova Giunta e ritiene di dover considerare la propria partecipazione a Enti e Consorzi anche in base ad analoga attenzione che questi riterranno di avere nel campo della riduzione delle spese per la politica.
Ridurre di una percentuale significativa le indennità di carica degli amministratori è possibile così come costituire, con il consenso di tutti consiglieri, un fondo di solidarietà derivato dai gettoni di presenza ai Consigli comunali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.