Dalle Comunità montane alle Unioni, la legge è distruttiva.

“Lo abbiamo detto e ripetuto in tutti i modi, in tutte le lingue. Senza regole chiare e senza un ruolo di guida da parte della Regione, nei processi di associazionismo degli enti locali vi potranno essere solo disgregazione, incertezza, confusione, contrasti, incomprensioni. La trasformazione delle Comunità montane in Unioni sta avvenendo in un clima surreale.
È solo grazie alla lungimiranza di buona parte degli amministratori piemontesi che stanno nascendo le Unioni montane. La Regione Piemonte, con la legge 11 del 2012, con i successivi vuoti legislativi e con le rigide interpretazioni burocratiche, ha disgregato quanto esisteva, senza dire come ricomporre il quadro istituzionale dei piccoli Comuni, di montagna e di pianura”.
Così Lido Riba, presidente Uncem Piemonte, commenta la situazione surreale che gli enti locali vivono in queste ore nelle quali, secondo la legge regionale, le Comunità montane (istituite nel 1971) dovrebbero cessare di esistere per lasciare il posto alle Unioni montane di Comuni, sancite dalla legge nazionale 135 del 2012. “In realtà, finora sono nate solo tre Unioni montane in tutto il Piemonte – prosegue Riba – le altre sono in fase di costruzione, tra mille difficoltà, dovute soprattutto al fatto che la Regione non ha chiarito dubbi e incertezze degli amministratori locali, in particolare per quanto riguarda modalità di gestione in forma associata dei servizi ai cittadini e alle imprese, già garantiti dalle Comunità montane. In pratica, il legislatore ha distrutto un sistema nato 40 anni fa, per non sapere poi come aiutare i Comuni a costruire il nuovo modello di gestione dei servizi e dello sviluppo delle Terre Alte. Anche in pianura, per gli stessi motivi, si sono disgregate Unioni esistenti, con i Comuni grandi che molto spesso hanno ‘abbandonato’ i più piccoli, non essendo prevista una sussidiarietà sostanziale, necessaria oggi tra enti locali, che siano di pianura, di collina o di montagna. Avevamo chiesto un rinvio nell’arrivo dei commissari liquidatori, peraltro non ancora nominati, ma questo non è avvenuto. E ora? Come nell’ultimo anno, Uncem è pronta a fare la propria parte, a lavorare con la Giunta e il Consiglio regionale, con tutti i sindaci e gli amministratori locali per governare una situazione che agli occhi di altre regioni, da sempre attente alle politiche montane del Piemonte viste come un modello, ha dell’incredibile. Continueremo a operare con gli enti locali e la Regione nell’interesse del territorio montano, del suo sviluppo, per la costruzione di migliori servizi ai cittadini e a quanti credono nelle Terre Alte”.
Enrico Borghi, presidente nazionale dell’Uncem, non ha dubbi: “Nell’assenza di un’armonizzazione normativa nazionale di trapasso dalle Comunità montane alle Unioni montane di Comuni, per la quale ho già depositato uno specifico progetto di legge alla Camera dei Deputati, l’iniziativa frammentaria e confusa della Regione Piemonte in materia di riordino degli enti montani sta producendo guasti a ripetizione. Occorre che il nuovo assessore regionale agli enti locali riprenda urgentemente in mano la questione, abbandonando le impostazioni ideologiche che hanno segnato in qui il percorso e adottando gli indispensabili correttivi a una normativa che sta producendo una mappa della geografia amministrativa piemontese confusa e bizzarra, nella quale i territori che si salvano dalla disgregazione sono quelli dove gli amministratori avveduti hanno promosso la nascita di Unioni montane coerenti territorialmente”.

articolo tratto dal sito di TeleVCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.