Lo stato leggero

Riceviamo e pubblichiamo.
Quando l’allora ministro Calderoli  bruciò gli scatoloni che avrebbero dovuto contenere la burocrazia in eccesso, per semplificarci ulteriormente la vita, deve averne bruciato uno su cui c’era scritto: “Servizi Socio Assistenziali”
Infatti il governo, di cui faceva parte, ha abolito i Consorzi che gestivano tali servizi, senza proporre altre forme di gestione o altre soluzioni valide; inoltre anno dopo anno, i fondi destinati alle categorie deboli hanno subìto drastiche e continue riduzioni, con il botto finale,quest’anno, di ridurre ulteriormente del 50% le già scarse risorse.
Forse si pensava che abolendo i Consorzi sarebbero scomparsi come per incanto disabili, anziani, malati cronici, poveri. (Qualcuno ci aveva pensato alcuni decenni fa e lo ha fatto brutalmente).
Perchè in uno Stato leggero, libero, liberista, non c’è posto per chi ha problemi e, di conseguenza, crea problemi.
Perchè in uno Stato leggero, libero, liberista, chi non ha problemi ha il diritto di vivere tranquillo, felice, senza essere disturbato da queste miserie.
Perchè in uno Stato leggero, libero, liberista, chi ha problemi deve cavarsela da solo, in silenzio, senza disturbare.
Ma la forma di società che ci siamo dati ha come finalità principale quella di ridurre le diseguaglianze, di offrire maggiori opportunità a chi dalla vita ne ha avute poche.
Occorre anche ricordare che l’articolo 3 della nostra Costituzione dice: “E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana…..”
In questo nostro Stato leggero, libero, liberista, stanno eliminando le conquiste sociali fatte finora e le famiglie vengono lasciate sempre più sole ad affrontare situazioni faticose, logoranti, disagi che durano tutta una vita.

Ottavia Camona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.