Turismo compatibile ad Omegna: le proposte di “sentire democratico”

Arriva da Sentire Democratico, blog vicino ai democratici di Omegna, una proposta per rilanciare il turismo ad Omegna. Proposte interessanti in vista del prossimo confronto amministrativo.
C’e un’area a Omegna che, in tempi relativamente brevi, può consentire uno sviluppo turistico compatibile con la realtà locale sia in termini di rispetto ambientale, sia in termini di quantità e qualità degli investimenti necessari. Non ci riferiamo alla possibilità di realizzare grandi alberghi attraverso la ristrutturazione di aree come quella della ex Conceria Beltrami o dell’IRMEL (lo potranno eventualmente fare soggetti privati se ne valuteranno la convenienza economica), bensì all’opportunità di intervenire nell’area della foce della Fiumetta e del Monte Zuoli.
Praticamente tutta l’area indicata è di proprietà pubblica, ma non gestita direttamente dal Comune ed è così suddivisa:
Centro Sportivo e nuova area camper (in attesa di essere ceduta in gestione a soggetti terzi tramite bando del Comune che prevede migliorie ed investimenti).
Porzioni prossime al centro sportivo di proprietà comunale o demaniale: quella tra il lido vero e proprio e la canottieri, nonchè l’area denominata “Boschina” proprio alla foce della Fiumetta in sponda destra: spiagge libere eventualmente da sistemare opportunamente con interventi di minimo impatto.
Nuova sede della Canottieri con gestione privata, ma sicuramente di interesse pubblico, con la possibilità di prevedere anche il noleggio di imbarcazioni.
Area dell’Oasi della Vita, non propriamente utilizzata al massimo in questi ultimi anni, gestita dall’associazione Pro Senectute tramite convenzione.
Area boscata vicina agli orti dell’Oasi della vita, attualmente inutilizzata.
Area comunale dei campi di calcio, affidati in convenzione al Bagnella Calcio che – senza ledere gli scopi attuali – può essere valorizzata e utilizzata più proficuamente.
Area del Monte Zuoli, affidata in gestione alla Comunità Montana e in parte utilizzata come luogo di conferimento rifiuti differenziati (ConserVCO) suscettibile di grandi potenzialità ancora non espresse, mettendo in campo anche il trasferimento della discarica.
L’insieme di questo territorio a cui si potrebbero aggiungere i vari percorsi sentieristici che consentono facilmente di raggiungere la sponda occidentale del lago, Brolo e laghetti di Nonio, Ponte Bria, le Quarne….merita un’attenzione particolare.
La proposta che si potrebbe avanzare è quella della definizione di un progetto condiviso dall’Amministrazione Comunale (che dovrebbe farsi carico soprattutto della regia e delle indicazioni di massima) e dai soggetti convenzionati o gestori  al fine di individuare quali interventi coordinati possano essere realizzati per l’obiettivo comune di rendere queste aree fruibili in modo unitario sia dai cittadini omegnesi e cusiani, sia da potenziali turisti esterni (a partire dal turismo scolastico, da quello della “terza eta” a quello culturale, sportivo, escursionistico).
Non sarebbe difficile immaginare la possibilità di realizzare cottages o bungalows (1) per la permanenza non solo estiva di famiglie o gruppi di persone (sarebbero necessari almeno 50/60 posti letto corrispondenti agli occupanti di un pullman), uno spazio per campeggio da aggiungersi all’area camper già realizzata, ma attualmente poco fruita, campi da gioco utilizzabili non solo dalle squadre di calcio giovanili, ma anche da turisti e visitatori, un uso più intenso e razionale del ristorante dell’Oasi, una fruizione più completa del Centro Sportivo, percorsi ciclo pedonali debitamente segnalati e integrati.
Certo servirebbe un progetto unitario, ma pensiamo che sarebbe comunque possibile mantenere gestioni parzialmente separate pur in un’ottica integrata.
Ci pare che possa essere impostato un discorso concreto coinvolgendo vari soggetti che potrebbero anche immaginare investimenti (remunerativi e utili anche per nuove opportunità occupazionali) non direttamente e necessariamente  a carico dell’ente pubblico. Assumere un progetto di questo tipo e lavorarci fin d’ora ci sembra essere un esempio positivo di come la campagna elettorale per il prossimo rinnovo dell’Amministrazione Comunale possa diventare più cogente e coinvolgente.

Sentire democratico
www.sentiredemocratico.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.