La Lega Nord caccia un suo consigliere a Villa. Tempi “bulgari”

Che la Lega Nord sia in difficoltà, stretta nel suo rapporto con Berlusconi, lo sappiamo. E che ci metta del suo è altrettanto evidente. A riprova l’espulsione di un suo consigliere comunale, Roberto Serra, tre anni fa candidato a sindaco di Villadossola. Ecco le sue dichiarazioni.
«Non c’è un motivo vero. O almeno io non lo conosco. Di certo non è più la Lega Nord che conoscevo io; forse è troppo impegnata a salvare certa gente in parlamento». Roberto Serra, il consigliere comunale di Villadossola che il Carroccio ha messo alla porta, non sa darsi una ragione della sua espulsione. Il comunicato di due sole righe diramato l’altri ieri dalla segretaria provinciale non l’ha chiarito. Serra
era stato eletto 3 anni fa. Era alla guida della lista «Impegno e trasparenza per Villadossola», ma una volta in consiglio aveva aderito alla Lega formando il gruppo consiliare leghista. «Spero mi diano qualche spiegazione – dice – anche se un’idea me la son fatta.
La verità è che pur con i difetti del mio carattere, sono uno che pensa e ragiona. E quando non ero d’accordo lo dicevo.
Ad esempio non ho accolto l’invito dei vertici provinciali di disertare i consigli comunali che approvano l’ordine del giorno contro la manovra del governo.
Faccio il consigliere comunale, mi rendo conto che i tagli penalizzano il mio Comune, come posso far finta di nulla?».
Poi, l’affondo: «Ormai la segreteria provinciale del partito è un parlamento bulgaro e le persone che usano il cervello danno fastidio. Il nostro senatore?
Lo cerco da settimane, mi ha mandato un sms e non l’ho più sentito. Anche la sezione della Lega di Villadossola è abbandonata
a se stessa».
Da La Stampa (del 29.09.2011)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.