Autonomia del VCO: un altro passo in avanti

image E’ stato avviato oggi, in ottava commissione, l’iter del disegno di legge della giunta regionale per l’attribuzione di speciali forme di autonomia legislativa alla provincia del Vco, con una relazione della presidente della giunta regionale Mercedes Bresso, a conferma della particolare attenzione con cui la presidente della giunta regionale ha seguito e segue l’iter del disegno di legge. l’ottava commissione del consiglio regionale ha fissato le consultazioni sul disegno di legge e sulla proposta di legge presentata a suo tempo dai gruppi regionali di minoranza , sulla stessa materia, per il 24 novembre alle ore 15.30 presso il consiglio regionale.
Consultazioni a cui sono invitati non solo il mondo istituzionale del Vco (Provincia, Comunità Montane e comuni esclusi dalle CM), ma anche le associazioni economiche e sindacali del Vco. Le consultazioni saranno un occasione per approfondire e raccogliere indicazioni e suggerimenti da parte del tessuto economico e istituzionale del Vco al fine di far si che la legge, che sarà sottoposta all’esame del consiglio regionale, possa cogliere al meglio quei temi in grado di garantire non solo il rafforzamento di competenze in capo alla provincia, ma soprattutto che tutto ciò sia finalizzato allo sviluppo economico e alla gestione delle specificità territoriali.
Potete scaricare, cliccando qui, una copia del disegno di legge sull’autonomia, elaborato, lo ricordiamo, col determinante contributo del presidente dell’Amministrazione provinciale Paolo Ravaioli, in rapporto con i consiglieri regionali Aldo Reschigna e Marco Travaglini, che individua condizioni di autonomia per la nostra Provincia in ambito di agricoltura, caccia e pesca, turismo, montagna e foreste, demanio idrico, aree protette e, soprattutto, prevede il trasferimento definitivo dei proventi dei canoni idrici e del bonus benzina al Verbano Cusio Ossola.
Un deciso riconoscimento, su settori d’importanza vitale per la nostra zona, della peculiarità montana del Verbano Cusio Ossola, come per altro riconosciuta dall’art. 8 dello Statuto regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.