La serata di ieri, “VERBANIA : niente paura”, racconta l’unica possibilità per la politica: l’apertura è la chiave di ogni possibile percorso di successo.

La serata di ieri sera,VERBANIA:Niente paura!, racconta l’unica possibilità per la politica: l’apertura è la chiave di ogni possibile percorso di successo.

Partecipazione alta e di livello, contenuti interessanti, voglia di fare e passione sono stati gli elementi che hanno contraddistinto l’iniziativa di ieri a Villa Olimpia.

Il Partito Democratico di Verbania in vista delle amministrative2014 hascelto di condividere, aprire, studiare proposte al di fuori delle solite quattro mura.

E ieri sera lo si è fatto: incontrando persone, idee, tastando il polso di una società che preferisce esserci anziché soccombere.
Infatti, non c’è stato il tempo per i lunghi silenzi, subito Stefano, ingegnere, ci porta nel vivo di proposte per una città attenta all’energia, alla mobilità sostenibile, alla cultura e all’Europa; Giacomo richiama il valore dell’integrazione tra le amministrazioni pubbliche ed il vivo tessuto sociale di Verbania con un occhio di riguardo al lavoro per i giovani; poi Angelica che vuole più responsabilità del singolo come ingrediente fondamentale per rinnovare l’orgoglio di appartenenza ad un progetto; così Alessandra, giovane che con l’incertezza della sua età propone un rivoluzionario e certo progetto, fare pagare tutti i parcheggi in cambio di un biglietto giornaliero dell’autobus; Stefania che giustamente ricorda la gravità di una politica troppo attenta agli antagonismi e poco attenta ai giovani; Eugenio che vuole qualità nei candidati prima ancora della capacità di raccogliere voti; Alberto che rilancia il valore delle “nuove facce” e della necessità di una nuova visione del futuro per Verbania; Gianmaria che guarda al metodo come prezioso strumento rivoluzionario perché ti concede di dedicarti al sogno; Luca che ha lasciato Roma in cambio di Verbania vent’anni fa poiché la piccola città dava grandi vantaggi che ora sono andati perduti e bisogna sapere ricreare un buon vivere; Silvia che richiama all’importanza del lavoro nei quartieri per riprendersi con energia e voglia l’amministrazione di una città abbandonata a se stessa; Antonella che vuole rivedere Verbania dare senso al Territorio; Cristiana e Katia, milanesi di nascita e Verbanesi per scelta che discutono delle mille identità di Verbania e Marco che ricorda come i giovani siano sempre troppo spesso lasciati a se stessi, come successo con il caffè delle Rose mentre un’amministrazione deve sapere stare dalla parte dei giovani; Fabrizio che ricorda di imparare a battere i pugni sul tavolo e pretendere di avere ciò che si ritiene giusto.

Ripartiamo da questa certezza: il futuro di Verbania ci sta a cuore. E in quest’ottica lavoreremo nei prossimi mesi. Creando altri momenti d’incontro e di lavoro, durante la Festa Democratica(dal 11 al 21 luglio) e dopo nei quartieri, nei comuni vicini. Vogliamo e dobbiamo generare e raccogliere passione!

Pensiamo che la sfida sia alta, ma c’è in gioco Verbania e vale la pena raccoglierla.

PD, Circolo di Verbania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.