No ai nuovi ticket della regione Piemonte

No ai nuovi ticket sanitari previsti dal bilancio pluriennale del governo Berlusconi-Tremonti a partire dal gennaio 2014. Lo chiede il Pd, che su questo ha organizzato una conferenza stampa, presenti i consiglieri regionali Aldo Reschigna e Nino Boeti e i parlamentari Stefano Lepri e Nerina Dirindin.
Sarebbe inaccettabile, perché porterebbe a incrementare di un centinaio di milioni di euro la spesa delle famiglie piemontesi. Nel 2012 hanno pagato 196 milioni di ticket, l’aumento si aggirerebbe sui 350 euro a testa. Sarebbe un rincaro insostenibile in un momento di grave crisi come quello che stiamo attraversando, come una nuova IMU”, ha detto Nino Boeti.
Il capogruppo regionale PD Aldo Reschigna ha sottolineato l’impatto che i nuovi ticket avrebbero sul sistema sanitario pubblico, “incentivando il ricorso al privato, con immaginabili conseguenze negative per la sanità pubblica”.
In Parlamento è stata presentata una interpellanza urgente che chiede di bloccare l’aumento dei ticket.
La senatrice Nerina Diridin, prima firmataria, ha ricordato come, pur avendo la Corte costituzionale dichiarato l’illegittimità formale della norma, non è ancora chiaro se i ticket saranno abbandonati o la legge verrà riscritta: “Dobbiamo scongiurare questo nuovo aumento”, ha spiegato, “si vogliono ridurre l’IMU e l’IVA, non si possono aumentare i ticket in una situazione così difficile. Il governo Letta si è detto consapevole del problema, ma non ha ancora spiegato come intende risolverlo. Per noi la soluzione è solo la cancellazione. Anche perché, così come si sono andati strutturando, i ticket portano all’abbandono del sistema pubblico, né sono in grado di fare cassa, visto che aiutano il calo degli accessi alle prestazioni pubbliche”.
Per il senatore Stefano Lepri “con il passaggio delle prestazioni ai privati la collettività paga di più, perché i costi fissi della struttura pubblica restano, e rappresentano la quota maggiore del costo della prestazione. Occorre ripensare al sistema dei ticket e delle esenzioni: il ticket non può minare il principio universalistico del sistema sanitario”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.