Convegno Enichem: le risposte alle polemiche di Legambiente

image Pubblichiamo la lettera inviata al Direttore della Stampa, da Gianni Desanti della segreteraia provinciale del PD, in merito alle polemiche di Legambiente sul convegno di sabatao scorso a Pieve vergonte.
A proposito del convegno sulla bonifica ExEnichem
Amelia Alberti ha una caratteristica unica: quella di essere una persona con certezze assolute, le sue. Il commento che ha inviato a “La Stampa” ne è un esempio brillante. Dichiara che nessuna associazione ambientalista è stata coinvolta nel convegno organizzato sabato scorso a Pieve Vergonte da PD, IDV e SEL e lascia intendere che la scelta fosse sicuramente voluta perché si vorrebbe far passare qualunque bonifica pur di salvare qualche posto di lavoro. Tanto per smentire quanto dichiarato dalla signora Alberti, riporto qui di seguito l’E mail da me ricevuta il 4 giugno dalla Direzione nazionale di Legambiente che, interpellata, ha rinunciato ad intervenire per impegni precedentemente assunti.
Gentile Gianni Desanti,
mi spiace comunicarle che sia io che Stefano Ciafani in quella data siamo impegnati. Io sarò su Goletta Verde e Stefano ad un’iniziativa a Vicenza. Per cui nonostante sia un tema, quello del futuro per la chimica in Italia, su cui siamo più volte intervenuti come Legambiente e a cui teniamo molto, non potremo partecipare alla vostra iniziativa
un saluto,
Giorgio Zampetti
Coordinatore Ufficio Scientifico
Direzione nazionale di Legambiente

Analogo cortese diniego ci è pervenuta anche dalla responsabile regionale di Legambiente Vanda Bonardo. La signora Alberti, invitata e presente al convegno, invece di abbandonare ad un certo punto la sala, avrebbe potuto tranquillamente intervenire in sede di dibattito.
Nel merito delle argomentazioni di Amelia Alberti dico solo che sono opinioni rispettabili, ma non necessariamente condivisibili in quanto la tesi che abbiamo voluto sostenere nel convegno (e di cui siamo convinti) è che la difesa dell’ambiente non è per nulla in alternativa con il mantenimento di attività produttive. l’urgenza, poi, di fare una bonifica accettando anche dignitosi compromessi nasce dalla consapevolezza che, in questi anni, si sono costruiti progetti e ipotesi di intervento condivisi e del tutto rassicuranti sul piano tecnico e scientifico. E’ evidente anche un altro dato di fatto: ogni anno di ulteriore ritardo per trovare immaginifiche soluzioni perfette è sicuramente un danno grave per l’ambiente, mentre l’attuazione di quanto già concordato sarebbe un enorme passo in avanti. l’insieme delle proposte che emergono dal convegno di Pieve Vergonte è riassunto in un documento che è consultabile sul sito www.sentiredemocratico.it

Gianni Desanti
responsabile Ambiente della segreteria provinciale del PD e uno degli organizzatori del convegno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.