Rassegna teatrale Voci dei luoghi: Guerra e Resistenza 1940-1945 .

Sabato 31 Luglio – ore 21.00 VOGOGNA (VB) / Delle Valli dell’Ossola Piazza Pretorio Assemblea Teatro
– Giovedi’ 12 Agosto – ore 21.00 DRUOGNO (VB) / Delle Valli dell’Ossola Piazza della Chiesa Tékhné
– Martedi’ 31 Agosto – ore 21.00 CANNOBIO (VB) / Val Grande, Alto Verbano e Cannobina Piazza 27-28 Maggio Accademia dei Folli.
Sono le tre iniziative che si svolgeranno nel VCO in occasione della IV rassegna teatrale Voci dei luoghi: Guerra e Resistenza 1940-1945 che dal 9 luglio al 3 settembre 2010 interesserà 31 Comuni montani del Piemonte.
Lunedì 28 giugno, a Torino, il Consiglio regionale del Piemonte, il Comitato regionale Resistenza e Costituzione e il Comitato provinciale Resistenza, Costituzione, Democrazia hanno presentato la rassegna teatrale Voci dei luoghi: Guerra e Resistenza 1940-1945 , che si svolge da 9 luglio al 3 settembre in 31 Comuni montani. Alla conferenza stampa, tenutasi nella Sala Viglione di Palazzo Lascaris, sono intervenuti il presidente e i vicepresidenti del Consiglio regionale, Valerio Cattaneo, Roberto Placido e Riccardo Molinari, gli altri componenti dell’Ufficio di presidenza; la consigliera provinciale di Torino, Caterina Romeo; il presidente dell’Uncem piemontese, Lido Riba; i sindaci dei Comuni e i presidenti delle Comunità montane in cui sono programmate le serate dalla rassegna.
La rassegna estiva è giunta quest’anno alla sua quarta edizione: quattro compagnie teatrali (Assemblea Teatro, Accademia dei Folli, Associazione Culturale Compagnia3001, Associazione Culturale Tékhné) mettono in scena letture sui temi della Resistenza, con una voce recitante accompagnata dal pianoforte o dalla fisarmonica.
I Comuni montani coinvolti nell’iniziativa sono 31, distribuiti su tutte le otto province piemontesi (13 a Torino, 8 a Cuneo, 3 nel VCO, 2 a Biella, 2 ad Alessandria, 1 ad Asti, 1 a Novara, 1 a Vercelli).
“In una regione che ha fatto tanto per la Resistenza – ha sottolineato il presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo – è importante che non si perda la memoria dei fatti accaduti nelle nostre valli: episodi e storie che hanno avuto come protagonisti molti giovani di allora”.
“Nei piccoli Comuni dove spesso non arrivano i grandi spettacoli – ha detto il vicepresidente Roberto Placido – arrivano invece momenti di teatro che raccontano la Resistenza, perché non se ne parli solo il 25 aprile ma anche in periodi di vacanza, per non dimenticare”.
“Sono davvero entusiasta – ha aggiunto il vicepresidente Riccardo Molinari – per la collaborazione che si è realizzata tra i diversi enti per condividere la memoria dei fatti della Resistenza attraverso il teatro e la musica: un bel modo per avvicinare anche i giovani a questi temi spesso considerati difficili”.
Per il Comitato Resistenza della Provincia, che per la prima volta ha collaborato alla realizzazione dell’iniziativa, è intervenuta la consigliera Caterina Romeo e per l’Uncem il suo presidente Lido Riba, erano presenti anche 11 rappresentanti dei Comuni e delle Comunità montane coinvolte nel progetto.
La rassegna, in questi anni, ha riscosso un indubbio successo che ha visto, edizione dopo edizione, crescere il numero degli appuntamenti: dalle 4 rappresentazioni del 2007 alle 18 del 2008, dalle 25 del 2009 fino alle 31 di quest’anno.

l’incremento delle date (quasi il 20% in più sull’anno precedente) è stato possibile grazie alla collaborazione con la Provincia di Torino.
l’inaugurazione ,con il primo spettacolo, è prevista per venerdì 9 luglio alle 21 a NOVALESA , in Val Cenischia, nel Teatro Parrocchiale (via Ghetto), con la partecipazione di tre delle quattro compagnie teatrali: Accademia dei Folli, Assemblea Teatro, Associazione Tékhné.
Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero ed iniziano alle 21, salvo due date pomeridiane (a Prali e a Quincinetto domenica 1 agosto alle 16 e alle 16.30).
Dal ’45 ad oggi il tempo è letteralmente volato e spesso i giovani percepiscono questa pagina di storia come “antica”, ma il teatro può aiutare, in tante sere d’estate, a riavvicinare giovani e meno giovani alle origini della nostra libertà. Questo, in fondo, è lo scopo – o se si vuole, la “scommessa” – della rassegna Voci dei Luoghi.

Per Assemblea Teatro la scelta artistica è frutto di tre anni di lavoro con i protagonisti incontrati nelle differenti vallate. Tanti racconti ascoltati, letti, recuperati in piccole biblioteche sono divenuti una pièce interpretata da Marco Morellini e Gisella Bein con il giovane Andrea Castellini a rappresentare i giovanissimi che l’8 settembre si trovarono a scegliere e in poche ore a combattere su fronti avversi. Un ritorno poi quello di Margherita Casalino, che tre anni fa con la direzione artistica di Assemblea Teatro ha iniziato questo lungo ed importante percorso di lettura e memoria.
Oggi con un nuovo gruppo Compagnia3001 presenta un lavoro che nasce dal suo percorso attoriale ed artistico.
l’Accademia dei Folli, come sua consuetudine, farà interagire parole e musica presentando un nuovo testo appositamente elaborato da Emiliano Poddi dove all’attore faranno da contrappunto canzoni della e sulla Resistenza.
Si aggiunge il lavoro della giovane compagnia Téchné che vuole inserire un nuovo linguaggio, quello di corpo e movimento, unito al video, per raggiungere il pubblico con un lavoro emozionale.

IN PROVINCIA DI NOVARA E VCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.