Senza paura verso il congresso

Alla vigilia dell’Assemblea Nazionale del Partito Democratico vorrei, in quanto parte del gruppo dirigente del partito condividere alcune riflessioni.
Dalla sconfitta alle primarie moltissimo è cambiato, ma una cosa resta immutata: il Pd si prepara ad un importante appuntamento e ancora una volta non ha deciso con quali tempistiche e con che metodo.
Da quanto apprendo leggendo svariati articoli il gruppo dirigente uscente vorrebbe anticipare i congressi provinciali e di circolo, anche se il nostro mandato termina il prossimo anno, e limitare la platea degli elettori ai soli iscritti, anzi la proposta iniziale avrebbe previsto che anche il segretario regionale fosse eletto dai soli iscritti.
Per la verità, questo dibattito è presente fin dagli inizi della vita del Pd perché se è vero che gli ultimi segretari di circolo sono stati eletti dai soli iscritti, è altrettanto vero che i primi segretari furono eletti con primarie aperte.
Non sarei segretario se non credessi nel valore degli iscritti e capisco che se si vuole far partecipare maggiormente le persone, è necessario dare loro qualche potere in più. Tuttavia mi domando se anche oggi vale questo principio, visto che i dati del tesseramento sono molto negativi rispetto a quelli del 2012 e ancora più negativi rispetto a quelli dei primi anni, nonostante la segreteria Bersani avesse puntato molto sull’idea di un partito strutturato o forse per colpa di questo.
Sì, perché quell’idea di partito è propria di chi ha militato nei partiti precedenti, ma poco o per nulla appartiene ai nuovi democratici. Quello che mi permetto di porre all’attenzione dei membri dell’assemblea nazionale è se in questo momento storico un partito che vuole essere federale, rappresentare i territori, essere presente in tutti i comuni, deve limitare la partecipazione della scelta dei gruppi dirigenti locali ai soli iscritti, sempre meno e sempre meno rappresentativi.
Capisco che si arriverà ad una mediazione, ma sono convinta che ogni volta che il Pd si chiude in se stesso, e lo fa sempre quando si trova davanti ad un potenziale cambiamento le cui incognite non consento di prefigurare uno scenario preciso, allontana potenziali elettori. Basta essere intimoriti, impauriti, preoccupati, è necessario affrontare il cambiamento.
Per questo mi sento di poter sostenere una proposta che azzeri tutti i livelli dirigenti del partito democratico e che con pari regole e metodi, scelga il segretario nazionale ed il coordinatore del più piccolo circolo del partito con primarie aperte.
Così facendo saremo costretti a puntare sulle proposte e non solo sulle alleanze interne e sulle persone. Alla fine di una giornata di votazioni il Pd si ritroverà con una più definita linea politica e con dirigenti radicati sui territori e potrà continuare nella costruzione di quel progetto politico che tanto entusiasmo la sinistra nel 2009.

Antonella Trapani, segretario provinciale PD VCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.