Sanità: il pericolo di perdere i reparti. Interpellanza in Provincia.

Pubblichiamo l’interpellanza presentata dai giorni scorsi dal gruppo consigliare del PD, ed indirizzata al Presidente della Provincia del Verbano Cusio Ossola.
Interpellanza che vuole fare chiarezza in merito al tema sanità e al pericolo, dopo l’approvazione del piano sanitario regionale, di perdere  reparti importanti negli ospedali del VCO.
In una circolare dello scorso 30 settembre dell’assessorato regionale alla Sanità viene richiesto alle Direzioni Generali delle ASL piemontesi di ridefinire entro il mese di ottobre la pianta organica aziendale sulla base di parametri definiti nella circolare. In particolare, per le Strutture Operative Complesse (più note come reparti) il numero minimo di posti letto necessari a mantenere attiva e autonoma la struttura è stabilito in 19.
E’ evidente che questo parametro porterà alla messa in discussione di numerosi reparti, soprattutto negli ospedali di dimensioni medio-piccole, con evidenti e immaginabili conseguenze sul piano della qualità del servizio offerto ai cittadini.
Considerando l’attuale dotazione di posti letto, nel VCO dovrebbero essere “toccate” da queste nuove disposizioni regionali le Strutture Operative Complesse di cardiologia, malattie infettive e tropicali, nefrologia, neurologia, oculistica, otorinolaringoiatria, urologia, recupero e riabilitazione funzionale.
Ciò premesso, non rimane, ancora una volta, da rilevare come l’approccio dell’attuale Amministrazione regionale ai problemi di razionalizzazione della sanità piemontese si basi esclusivamente su parametri numerici e non consideri le specificità delle diverse situazioni e le necessità dei diversi territori.
Nel VCO le nuove disposizioni regionali rischiano di essere devastanti, anche perché vanno a incidere in una zona ove non è ancora chiuso il dibattito sul futuro dei reparti di maternità e soprattutto non è ancora stata individuata la collocazione del laboratorio di emodinamica.
A fianco di questo deleterio attivismo regionale, che procedere senza reale confronto con gli attori sociali del VCO, si deve purtroppo registrare l’immobilismo della Provincia, ente che non ha ancora pubblicamente appalesato (almeno alla data di compilazione della presente interrogazione) una propria posizione sul futuro del sistema sanitario locale. Pur in assenza di specifiche competenze in materia sanitaria, la Provincia, in quanto ente deputato a rappresentare le istanze del proprio territorio agli enti “superiori” come la Regione, non può esimersi dall’elaborare, di concerto con enti locali, associazioni, organizzazioni sindacali, ecc., una propria autonoma proposta di disegno della sanità del VCO.
Tutto ciò premesso e considerato
SI INTERROGA LA SIGNORIA VOSTRA
1. Per conoscere cosa in concreto l’Amministrazione Provinciale stia facendo per contrastare la logica regionale improntata ad una riorganizzazione basata su tagli indiscriminati e freddi parametri numerici, che colpiscono senza raziocinio zone sovra attrezzate rispetto ai bisogni e zone invece dove risorse, personale e servizi erogati sono ridotti all’osso.
2. Per conoscere, nello specifico, quali azioni abbia intrapreso l’Amministrazione Provinciale per incalzare l’assessore regionale Monferino a mettere nero su bianco le sue dichiarazioni alla stampa  in cui aveva manifestato la disponibilità a valutare “ogni singola situazione sulla base della realtà territoriale” per evitare di riorganizzare il servizio sanitario regionale “attenendoci a rigidi vincoli numerici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.