“Mazziati e cornuti” in Autolaghi

image I pendolari dell’automobile che ogni giorno percorrono l’A8 tra Varese e Milano (e quindi molti pendolari del VCO) subiscono, e Autostrade Spa ci guadagna: una realtà inaccettabile.
Il decreto votato ieri dal governo Berlusconi favorisce in maniera evidente Autostrade Spa nonostante le inadempienze della società nella gestione dei tratti autostradali. Basta vedere che cosa accade nel tratto della A8. La società incassa ogni giorno cifre impressionanti fornendo un pessimo servizio.
La società della famiglia Benetton, con questo decreto, ha la garanzia di una rendita sicura fino al 2038, senza i dovuti passaggi di controllo del Cipe e del Parlamento.
Ma c’è di più: dalla lingua d’asfalto all’autostrada dell’aria (questione Alitalia) la distanza non È troppa.
Nel mirino delle opposizioni c’È questa norma che assicurerebbe al gruppo Benetton la concessione autostradale, una circostanza che, sospettiamo potrebbe ‘agevolarÈ l’ingresso dello stesso Benetton nella cordata Alitalia.
Insomma, quella messa in campo dal governo con un emendamento ad hoc, sarebbe "una partita di giro".
La norma consentirebbe alla holding del gruppo Benetton, Autostrade Spa appunto, di evitare il controllo del Cipe e del Parlamento e magari, come richiesto dalla societa’ già da molto tempo, di aumentare i pedaggi al casello.
 Quando scambi le figurine- ironizza Bersani, ministro ombra del PD– puoi sceglierti con chi farlo. Quando vendi Alitalia la cosa È ben diversa…".
Insomma, il "sospetto", come, dice Bersani, c’È tutto. Ne parla espressamente Mauro Libe’, deputato Udc: "È una partita di giro, un gioco delle tre carte…". Insomma Berlusconi ora ha bisogno di portare a casa un risultato su Alitalia, dopo averci impostato buona parte della campagna elettorale. E allora il governo fa un favore a Benetton, Benetton fa un favore al governo".
Se È cosi, comunque, l’opposizione dara’ battaglia. Nella norma sulle concessioni autostradali c’e’la logica di usare le norme per favorire le lobby, non si puo’ rimettere in mano all’Anas la decisione di fare contratti, bypassando i controlli del Cipe sulle tariffe, del ministero, delle commissioni. Si tratta di una norma che È oggettivamente a favore di una lobby.
Insomma per fare la cordata italiana per Alitalia, Berlusconi e il suo governo fanno un favore ai Benetton dandolgi senza controlli la gestione delle autostrade, e questi la faranno pagare agli automobilisti.
Non male!
Non si capisce come mai oggi la Lega Nord, ad esempio, non batte ciglio di fronte a questa situazione, mentre in passato si è fatta promotrice di diverse contestazioni nei confronti di Autostrade Spa, arrivando addirittura a chiedere l’abolizione della barriera di Gallarate. La battaglia contro i poteri forti va fatta con l’azione di governo e bisogna stare dalla parte dei pendolari.

PD VCO
Ufficio Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.