Lettera aperta ai presidenti delle Comunità Montane

image Cari Presidenti,
si è avviato, in questi giorni, l’iter del disegno di legge regionale sulla riforma delle Comunità montane le cui consultazioni sono fissate per il 19 maggio 2008.
E’ in questo contesto che ci rivolgiamo a Voi per proporre un’ulteriore riflessione. La necessità di una riforma è evidente a tutti: pur rifiutando – giustamente – l’errata equazione “Comunità montane uguale spreco di denaro pubblico”, non ci si può esimere dall’avanzare proposte innovative e coraggiose.
In quest’ottica ci siamo mossi, come Regione, conducendo una forte critica nei confronti della proposta nazionale contenuta in Finanziaria, rivendicando la potestà legislativa regionale in materia di riordino delle Comunità Montane.
  
E’ in questo contesto che s’inquadra il disegno di legge in discussione, che – vogliamo ricordarlo – si propone di:
– adeguare la consistenza territoriale e demografica delle Comunità montane a criteri d’omogeneità socio-economica, efficienza e congruità rispetto al ruolo rivestito ed alle funzioni assegnate;
– rafforzarne la natura di enti volti a garantire l’effettività delle misure a sostegno delle zone montane e la promozione, lo sviluppo e la tutela del territorio;
– razionalizzarne gli apparati istituzionali, allo scopo di rendere più efficace l’azione politica ed amministrativa;
– concorrere agli obiettivi di contenimento della spesa pubblica, in ottemperanza a quanto stabilito dall’articolo 2, comma 17 della Legge Finanziaria 2008.
Non è difficile comprendere che, sotto questo profilo, il disegno di legge rovescia la prospettiva che ha costituito la “traccia” della Legge Finanziaria 2008.
Le Comunità montane vengono “rilanciate” come Enti indispensabili alla tutela e allo sviluppo delle zone montane, la cui razionalizzazione, territoriale, istituzionale e di ruolo, è funzionale alla loro valorizzazione, nell’ambito di un sistema degli Enti locali articolato e complesso che necessita, perciò, di pochi e solidi interlocutori.
Un percorso, questo, finalizzato ad aumentare il valore aggiunto degli Enti montani.
Essenziale sarà il profilo “duale” delle nostre Comunità montane: Enti che programmano, promuovono e governano il territorio – come agenzie dello sviluppo, con nuovi e maggiori compiti e funzioni, a partire da quelle proprie ed esclusive – ed al tempo stesso come soggetti che gestiscono i servizi e le funzioni associate per conto dei Comuni. Dunque, più responsabilità, più compiti ed una maggior definizione degli stessi.
Insistiamo su quest’aspetto che, come ben sapete, è il “cuore vero” della riforma. Sotto il profilo del rafforzamento del ruolo e delle funzioni degli Enti montani, il disegno di legge consolida la Comunità Montana come “gestore associato” delle funzioni e dei servizi comunali, già proprio della Comunità montana, ruolo fondamentale in funzione di una più vasta ed efficace erogazione dei servizi a favore delle popolazioni montane. Il consolidamento di questo ruolo si aggiunge alla “nuova” finalità di promozione del mantenimento dei servizi essenziali assegnata agli Enti montani nel disegno di legge.
Per ciò che riguarda l’incremento e il potenziamento delle funzioni delle Comunità montane, si è scelto di indicare un percorso il più possibile concertato e rispettoso delle autonomie e delle competenze degli altri livelli di governo, percorso destinato a concludersi dopo l’entrata in vigore della legge, proprio per dare il massimo spazio alla concertazione e verificare le funzioni effettivamente attribuibili alla luce dei principi di sussidiarietà e adeguatezza.
Ovviamente si è ritenuto necessario ribadire, con nettezza, il ruolo fondamentale della Comunità montana nella difesa del suolo, anche a livello programmatico.
Nell’ottica della razionalizzazione degli apparati istituzionali delle Comunità montane, altro punto “centrale” del disegno di legge, viene proposta l’introduzione di un nuovo sistema elettorale ad elezione “diretta” del Presidente da parte dei Consigli dei Comuni facenti parte della Comunità, sistema modulato su quello dei Comuni con oltre 15.000 abitanti (che dovrà essere dettagliato in un successivo regolamento).
Il nuovo sistema consentirà una riduzione molto consistente del numero degli amministratori, che, abbinata alla diminuzione delle relative indennità, contribuirà anch’essa al perseguimento dell’obiettivo di risparmio, applicando il principio di rappresentatività.
E’, a nostro parere, una risposta adeguata all’esigenza di garantire una rappresentanza più larga, inclusiva e democratica per gli organismi della Comunità, ottenendo Consigli meno pletorici (da un minimo di 12 ad un massimo di 30 componenti, in ragione della popolazione) e giunte “snelle”. Una scelta che consentirebbe maggior sobrietà, più autorevolezza, più incisività.
In ultimo, vogliamo affrontare il problema delle nuove aggregazioni, con l’ipotesi di passare dalle attuali 48 a 31 Comunità montane in Piemonte.
Sotto il profilo del riordino territoriale, il disegno di legge opera una scelta che si colloca in linea con la posizione già assunta dalla Regione in rapporto al testo originario della Legge Finanziaria.
Come Regione Piemonte avevamo chiesto di sostituire gli automatismi basati sui parametri altimetrici ad un “obiettivo di risparmio” più rispettoso delle autonomie regionali e più adattabile alle singole realtà territoriali.
Qualora fossero applicate “tout court” le norme della Finanziaria non solo verrebbero cancellate un certo numero di Comunità Montane, ma sarebbero esclusi dal criterio di “montanità” (che pure andrà riformato) una buona parte dei Comuni piemontesi, non più – per così dire – “includibili” in Comunità montana.
Per questi motivi il disegno di legge opta per la scelta di procedere ad un numero consistente di aggregazioni delle Comunità montane così come sono, evitando di intervenire sullo spostamento di singoli comuni in questo o in quell’altro ambito.
Il numero di aggregazioni disposte (31) è tale da equilibrare, da un lato, l’esigenza di perseguire l’obiettivo di risparmio imposto dalla Legge Finanziaria, rispetto al quale, come si è detto, la riduzione del numero degli Enti montani rappresenta lo strumento più significativo, dall’altro, la necessità di assegnare dimensioni congrue a tali Enti, in modo da consentire loro una più efficace azione politica ed amministrativa per la montagna.
Il nuovo sistema territoriale, comunque, entrerà a regime con la scadenza degli attuali mandati amministrativi.
Nel VCO e nel Novarese, le Comunità Montane passerebbero dalle attuali 11 a 6. Una risposta all’esigenza di Enti più grandi, solidi e rappresentativi, in grado di programmare, in modo efficace, lo sviluppo montano. Questo è il “succo” della riforma.
I tempi sono strettissimi e la scadenza ultima è fissata per fine giugno: dal 1° luglio 2008, in assenza di una legge regionale, scatteranno le regole ed i tagli previsti nella “Finanziaria”.
Va da sé che è preferibile un esercizio di responsabilità al “lasciar fare”.
Comprendiamo la legittimità di posizioni diverse che potranno essere rappresentate durante le audizioni ed esaminate, successivamente, nel corso dei lavori in Commissione.
Vi invitiamo, nello stesso tempo, a comprendere la vera posta in gioco rispetto alla quale la riorganizzazione territoriale è un elemento, ma non l’unico.
Già nelle prime fasi di esame del disegno di legge sono emerse posizioni tese a sminuire il ruolo delle Comunità montane ed a “smorzare” la portata riformatrice della proposta.
Da parte vostra, come Presidenti delle Comunità montane, ci deve essere la consapevolezza che la vera posta in gioco è rappresentata dal concepire le Comunità montane quali Enti di sviluppo della montagna oltre a luogo della gestione delle funzioni associate tra i Comuni.
Per queste ragioni vi chiediamo di esprimere le vostre opinioni con la consapevolezza che non esiste solo la questione della riorganizzazione territoriale.
Con stima.
Aldo Reschigna
Marco Travaglini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.