Polizia Stradale a Domodossola. Nulla è deciso. I giudizi sono da rinviare a quando il percorso di riorganizzazione sarà terminato. In quel momento sarà possibile tirare le fila su chi ha realmente lavorato per il nostro territorio.

Polizia Stradale a Domodossola. Nulla è deciso. I giudizi sono da rinviare a quando il percorso di riorganizzazione sarà terminato. In quel momento sarà possibile tirare le fila su chi ha realmente lavorato per il nostro territorio.

Il commento su “Ossola News” di Renato Balducci sulla paventata chiusura del distaccamento di Polizia Stradale di Domodossola chiama in causa tutte le forze politiche, anche con qualche imprecisione per quel che ci riguarda.

Vogliamo ribadire quanto già affermato pochi giorni fa: sulla vicenda non si registrano allo stato provvedimenti adottati o decisione già assunte. È in corso di discussione una proposta di piano di riorganizzazione, figlia di una serie di decisioni assunte nel passato, che ora sta per passare dall’amministrazione del Ministero dell’Interno alle parti sociali e agli enti locali per il confronto di merito. Alla Lega che accusa praticamente ogni giorno il Pd, vogliamo ricordare che il loro leader Salvini quando si trovava al Viminale in 15 mesi non fece assolutamente nulla né in termini di aumento della dotazione di organico né in termini di soluzione delle problematiche. A Domodossola il processo di svuotamento del distaccamento PS proseguì sotto la guida leghista del Ministero dell’Interno. Capiamo che ora debbano urlare per nascondere le loro responsabilità, che però sono evidenti.

Precisiamo inoltre che la ministra De Micheli non ha affermato alcunché in ordine al tema del distaccamento Ps di Domodossola, non avendone peraltro la competenza che è assegnata alla ministra Lamorgese.

Inoltre, il Pd è al lavoro attraverso i propri rappresentanti – e in tal senso l’impegno dell’on. Borghi è costante – per ottenere i due obiettivi che abbiamo messo al centro del nostro lavoro: il potenziamento degli organici della Polizia Stradale per l’intero territorio del VCO (perché serve a poco mantenere aperte sedi che hanno solo 5 agenti, che in tal modo possono dedicare al servizio su strada una percentuale molto ridotta del loro tempo disponibile) e la garanzia che la presenza della Polizia nella città di Domodossola sia comunque assicurata anche nel quadro di una riorganizzazione del servizio che possa coniugare efficienza e presenza territoriale.

Le conclusioni cui perviene il corsivo di Balducci sono quindi quanto meno da rinviare a quando il percorso sarà terminato, e in quel momento sarà possibile tirare le fila su chi ha realmente lavorato per il nostro territorio.

Grazie per l’attenzione
Partito Democratico VCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.