Banca di Intra: le preoccupazioni del PD

image Mettiamo on line l’interpellanza sul caso BPI presentata, nei giorni scorsi, in una conferenza stampa dal capogruppo in consiglio provinciale Giuseppe Grieco.
Riassume le preoccupazioni sul nuovo assetto della banca e sugli inevitabili tagli che avranno probabili ripercussioni sul livello occupazionale nel VCO.
Interpellanza
"Il nuovo assetto organizzativo annunciato dal gruppo Veneto Banca e la relativa incorporazione di BPI in Veneto Banca Holding merita qualche considerazione.
Dopo 137 anni di vita BPI cesserà di esistere come entità giuridica e con lei anche l’illusione di quell’”autonomia condivisa” enunciata ripetutamente al momento dell’ingresso di Veneto Banca nel capitale di BPI. l’A.D. di Veneto Banca Holding – Vincenzo Consoli – giustifica questa scelta con l’esigenza di accorciare la “catena decisionale” del gruppo e di alleggerire i costi, in buona sostanza l’eliminazione del consiglio di amministrazione di BPI ed il risparmio IVA sulle operazioni interne al gruppo.
Più in generale il gruppo sarà presente in Italia del nord con Veneto Banca Holding (poi scpa), al centro con la Cassa si Risparmio di Fabriano e Cupromonte (Carifac) ed al sud con bancApulia.
Questi ultimi due istituti di credito, pur essendo di dimensioni minori della BPI, sia in termini di sportelli, dipendenti, margine di intermediazione e raccolta (come si evince dai dati sotto riportati), manterranno la propria autonomia, il proprio consiglio di amministrazione e il radicamento con il territorio anche in termini opportunità lavorative per artigiani e professionisti locali (il cosiddetto indotto).

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0pt 5.4pt 0pt 5.4pt;
mso-para-margin:0pt;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

 

Veneto Banca

 

 

 

anno 2008 per 1.000

 

 

margine intermediazione

233394

 

 

raccolta totale

16966000

 

 

dipendenti

1488

 

 

sportelli

185

 

 

 

 

 

 

rete BPI

Banca Popolare di Intra

B.P. Monza e Brianza

Banca di Bergamo

 

anno 2008 per 1.000

anno 2008 per 1.000

anno 2008 per 1.000

margine intermediazione

157629

13600

33695

raccolta totale

6129000

309401

2027449

dipendenti

992

75

195

sportelli

86

8

29

 

 

 

 

Nel 2009 BP Monza e Brianza e Banca di Bergamo con la rete BPI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

rete BancApulia

bancApulia

Banca Meridiana

 

 

anno 2008 per 1.000

anno 2008 per 1.000

 

margine intermediazione

67869

61783

 

raccolta totale

3187058

1854397

 

dipendenti

475

365

 

sportelli

53

51

 

 

 

 

 

rete Carifac

Ca.Ri.Fabriano e C

 

 

 

anno 2008 per 1.000

 

 

margine intermediazione

65807

 

 

raccolta totale

2332861

 

 

dipendenti

513

 

 

sportelli

59

 

 

   
Vi è poi la preoccupazione che un sempre minor radicamento territoriale induca, in una seconda fase, un consiglio di amministrazione ed una direzione generale non più “Intresi” a diminuire anche gli sportelli della nostra zona con le conseguenti – negative – ricadute in termini di occupazione  “diretta”.
La domanda sorge spontanea: perché non si è, anche per carifac e bancApulia, deciso di “accorciare la catena decisionale” e alleggerire i costi?
Tutto ciò premesso il sottoscritto consigliere provinciale
INTERPELLA
il Presidente della Provincia affiche intraprenda tutte le possibili azioni atte a scongiurare l’allontanamento dal territorio del Verbano Cusio Ossola di Banca Popolare di Intra
Verbania, 15 luglio 2010
Per il Gruppo del Partito Democratico
 Il Capogruppo Giuseppe Grieco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.