Sanità, Borghi: ”un progetto vero per la sanità montana del Vco”

vco“Ci sono due notizie nella giornata di oggi (ieri): il pareggio nel “derby” tra Domodossola e Verbania (a mio avviso improvvidamente alimentato da alcuni vertici regionali) e il riconoscimento che la specificità montana del Verbano Cusio Ossola vale anche per la materia sanità. La conseguenza di questo doppio passaggio è semplice: serve un progetto specifico per la sanità del nostro territorio, togliendo dal tavolo centralismi, tifoserie e furbizie. La conseguenza di questi due aspetti è semplice: al tavolo del Ministero dell’Economia e delle Finanze la Regione Piemonte dovrà far valere il fatto che la specificità riconosciuta per legge al territorio del VCO si traduce in parametri diversi dal resto del territorio regionale e in finanziamenti maggiori in grado di colmare il naturale differenziale esistente in questo territorio.

Ricordo che fin dal 1998 esiste uno specifico documento presso il Ministero della Sanità, denominato “Sanità in montagna” che attesta come mediamente i costi strutturali per l’erogazione del servizio nelle aree montane –a parità di efficienza- sono più alti del 25% a causa di quelli che l’Unione Europea definisce gli “handicap strutturali permanenti” dei territori montani. Aggiungo che nel testo base del disegno di legge in discussione alla Camera sui piccoli comuni, il cosiddetto “Realacci-Borghi” adottato dalla commissione ambiente in data 26 settembre e che ora passerà all’esame dell’Aula all’articolo 9 si prevede quanto segue: “lo Stato tiene conto della necessità di adeguamento del riparto del Fondo sanitario nazionale in favore delle aziende sanitarie locali situate nelle aree montane e rurali, al fine di assicurare la continuità assistenziale in tali aree. A tale fine, nell’ambito dell’intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano per il riparto del Fondo sanitario nazionale, le quote di finanziamento pro-capite delle aziende sanitarie locali operanti nei comuni montani sono incrementate del 25 per cento, secondo criteri che tengono conto del contesto di dispersione territoriale della popolazione, della sua composizione per classi di età nonché della rete degli stabilimenti ospedalieri e dei servizi distrettuali presenti nel territorio. La congruità del differenziale accordato in sede di bilancio preventivo è verificata, secondo indicatori di efficienza ed efficacia, anche in sede di consuntivo.”.

Quindi, la Regione Piemonte al tavolo con il MEF dovrà far valere queste tesi, e se lo farà sarò pronto a ingaggiare una battaglia comune. E una volta vinta questa battaglia a Roma, la si dovrà suggellare a Torino con una legge specifica che riconosca la peculiarità del VCO e attribuisca finalmente i canoni idrici e i costi standard montani sulla scorta di un diritto e non di una regalìa occasionale. Inoltre, non si può non considerare che l’indicazione di tale peculiarità si inserisce all’interno dell’imminente riconoscimento, proprio da parte del MEF e su indicazione della Regione Piemonte, della zona delle Valli Ossolane come area sperimentale del programma “Aree Interne”, che proprio attorno al tema della riorganizzazione dei servizi sanitari di territorio imperniati sulla presenza di un DEA di I livello concentra la propria strategia.

A questo punto penso che anche l’assessore Saitta e il direttore Moirano abbiano tastato con mano cosa significhi, in tutti i suoi aspetti, la peculiarità di questo territorio e l’esigenza di abbandonare la logica delle sfide all’OK Corral per cercare di costruire un progetto che tenga conto delle reali esigenze che nascono dal basso. C’è un anno di tempo per cucire qualche ferita di troppo, e trovare una soluzione che coniughi efficienza, diritti e tenuta dei conti pubblici. Il modo migliore per venirne fuori è mettersi al lavoro, senza retropensieri , furbizie e superficialità.”

On.Enrico Borghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.